REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 20 E 21 SETTEMBRE 2020 - Comune di Gropparello (PC)

archivio notizie - Comune di Gropparello (PC)

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 20 E 21 SETTEMBRE 2020

 

opzione di voto in italia da parte di elettori residenti all'estero (A.I.R.E)

 

Con decreto del Presidente della Repubblica del 17 luglio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 luglio 2020, è stata fissata al 20-21 settembre 2020 la data del referendum confermativo popolare, originariamente indetto per il 29 marzo e poi sospeso, sul testo di legge costituzionale recante “modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, che vedrà coinvolti anche i cittadini italiani residenti all’estero.

Si ricorda che il VOTO è un DIRITTO tutelato dalla Costituzione Italiana e che, in base alla Legge 27 dicembre 2001, n.459, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali, possono VOTARE PER POSTAA tal fine, si raccomanda quindi di controllare e regolarizzare la propria situazione anagrafica e di indirizzo attraverso il portale Fast-it.

È POSSIBILE IN ALTERNATIVA, PER GLI ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO ED ISCRITTI ALL’AIRE, SCEGLIERE DI VOTARE IN ITALIA PRESSO IL PROPRIO COMUNE DI ISCRIZIONE ELETTORALE.

PROCEDURA:
Inoltrare richiesta al Consolato Generale d'Italia di riferimento nel paese di residenza ENTRO IL 28 LUGLIO 2020

La comunicazione può essere scritta su carta semplice e - per essere valida - deve contenere nome, cognome, data, luogo di nascita, luogo di residenza e firma dell’elettore, accompagnata da copia di un documento di identità del dichiarante.

Gli elettori che scelgono di votare in Italia in occasione della prossima consultazione referendaria, riceveranno dai rispettivi Comuni italiani la cartolina-avviso per votare presso i seggi elettorali in Italia.

La scelta di votare in Italia vale solo per una consultazione referendaria.

La scelta di votare in Italia può essere successivamente REVOCATA con una comunicazione scritta da inviare al medesimo Ufficio consolare ed entro gli stessi termini previsti per l’esercizio dell’opzione.

Si allega modulo di dichiarazione da scaricare.

 

VOTO A DOMICILIO

Gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'abbandono dell'abitazione in cui dimorano risulti impossibile, ovvero gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano, possono far pervenire al Sindaco del Comune di iscrizione elettorale una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto a domicilio.

La dichiarazione deve pervenire al Comune entro il 31 agosto 2020, e deve indicare l'indirizzo di abitazione in cui l'elettore dimora, un recapito telefonico, e deve essere corredata da copia della tessera elettorale e da idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi della Azienda Sanitaria Locale in data non ateriore al quarantacinquesimo giorno antecedente la votazione.

Si allega modulo di dichiarazione da scaricare.

 

VOTO PER CORRISPONDENZA DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO

L’art. 4-bis, comma 2, della legge n. 459/01, modificato da ultimo dall’articolo 6, comma 2, lett. a), della legge 3 novembre 2017, n. 165, prevede che l’opzione di voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all’estero pervenga direttamente al comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione e, quindi, entro il 19 agosto p. v., in tempo utile per l’immediata comunicazione al Ministero dell’interno.

Con riferimento al requisito della presenza dell’elettore all’estero per un periodo minimo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione, si ritiene che tale espressa dichiarazione resa dall’elettore debba ritenersi valida ai fini dell’esercizio del diritto di voto all’estero; ciò, anche se l’interessato non si trovi all’estero al momento della domanda stessa, purché il periodo previsto e dichiarato di temporanea residenza comprenda la data stabilita per la votazione.

Per quanto attiene ai contenuti e alle modalità di inoltro, la dichiarazione di opzione, redatta su carta libera (o su apposito modello allegato) e corredata di copia di un documento d’identità valido dell’elettore, deve contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 1 del citato art. 4-bis, resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Per agevolare l'elettore che intende avvalersi di tale opzione, il Ministero dell'Interno ha predisposto un apposito modello di opzione che si allega. Eventuali opzioni pervenute con un diverso modello sono comunque da considerarsi valide, purché conformi a quanto prescritto dal comma 2 del medesimo articolo 4-bis.

L’opzione dovrà pervenire al comune per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure potrà essere recapitata a mano anche da persona diversa dall’interessato.

L'indirizzo di posta elettronica cui inviare il modello è il seguente:

 

elettorale@comune.gropparello.pc.it


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (19 valutazioni)